Descrizione

Colloquio ebraico-cristiano 2017

Benedetto il Signore Dio di Israele
La preghiera di ebrei e cristiani

«Shimhon il giusto era uno degli ultimi membri della grande assemblea. Egli soleva dire: Su tre cose il mondo sta: sulla Torà, sul culto e sulle opere di misericordia» (Pirqè Avot, I,2). Un commentatore medievale afferma che «ora che non vi è più un culto, il mondo sussiste grazie alla Torà, alle opere di misericordia e alla preghiera, perché la preghiera ha la stessa efficacia del culto (Vitry)» (cf. A. Mello, Detti dei rabbini, 53).
Il XXXVIII incontro nazionale dei Colloqui ebraico-cristiani di Camaldoli vuole affrontare questo tema così centrale e importante per le due tradizioni religiose. L’intento è quello di mettere in luce alcuni aspetti della questione che da una parte possano far emergere le specificità della preghiera nelle due tradizioni religiose, dall’altra cogliere tratti comuni e punti di incontro.
La preghiera è un punto di osservazione particolarmente significativo per comprendere la modalità del credente di stare davanti a Dio, ma anche di porsi in dialogo con il mondo, con le vicende della storia e con gli uomini e le donne che appartengono ad altre tradizioni religiose o non sono credenti. In questo senso, attraverso la comprensione dell’esperienza della preghiera, il modo in cui ebrei e cristiani la vivono e la interpretano, possiamo scorgere vie comuni di dialogo e di impegno nel mondo.

Contenuto:

1. Relazione di apertura (Pier Francesco Fumagalli)

2. La preghiera nella Bibbia (Alexander Rofé)

3. La preghiera nella Bibbia (Daniele Garrone)

4. Tavola rotonda giovani

5. Paolo De Benedetti e il dialogo ebraico-cristiano (Luigi Renna)

6. Il Siddur: la struttura della preghiera ebraica (Amedeo Spagnoletto)

7. La Birkat ha-minim (Shemuel Lampronti e Piero Stefani)

8. La preghiera del Venerdì Santo (Daniele Menozzi)

9. La preghiera del Venerdì Santo (Piero Stefani)

10. Lectio biblica a due voci (Matteo Ferrari e Marco Morselli)

11. Conclusioni