Descrizione

Destinati alla vita

Settimana teologica 2020

In cammino verso Cristo che viene

Ripensare l’escatologia cristiana

 

Presentazione

Già negli anni Sessanta H. U. von Balthasar segnalava la necessità di un globale ripensamento dell’escatologia cristiana, quando aveva ripreso una battuta di Troeltsch, per cui l’ufficio escatologico era chiuso non avendo più molto da dire, e l’aveva ribaltata obiettando che da qualche tempo invece doveva fare gli straordinari. Si tratta di un’istanza ancora più attuale oggi, dove alla crisi della catechesi classica sui Novissimi è seguito un generale silenzio sull’escatologia cristiana.

Il nostro può essere un tempo propizio per porci di nuovo in ascolto del Dio che si rivela in Cristo e delle domande dell’uomo di oggi, ripensando aspetti centrali della fede: il senso cristiano del tempo e della storia, l’attesa della venuta ultima di Cristo, la dimensione personale e comunitaria dell’incontro definitivo con Dio, la liturgia come anticipo della vita eterna.

Su questi elementi ci interroghiamo insieme nel corso della Settimana Teologica “Destinati alla vita”, con l’aiuto di biblisti, teologi e liturgisti.

 

Contenuto

1 Daniele Moretto – Dopo i Novissimi: questioni aperte sul modo cristiano di intendere l’aldilà

2-3 Francesco Brancato – Un senso per la finitezza? La teologia in ascolto della letteratura

4-5 Carlo Broccardo – Sguardo sulla fine: un percorso tra i testi biblici

6-7 Angelo Biscardi – Verso l’incontro pieno con Cristo: esistenza personale ed escatologia

8 Federico Badiali – Il destino escatologico dei nostri legami

9-10 Mario Imperatori – Tra ultimo e penultimo: storia e escatologia

11 Goffredo Boselli – Liturgia ed escatologia