SETTIMANA MONASTICA – Il cammino spirituale. Nella Bibbia e nella tradizione monastica –

Home|Registrazioni|2022|SETTIMANA MONASTICA – Il cammino spirituale. Nella Bibbia e nella tradizione monastica –

SETTIMANA MONASTICA – Il cammino spirituale. Nella Bibbia e nella tradizione monastica –

16.00

EDIZIONI CAMALDOLI: sarà fornito un link per scaricare il file audio (mp3)

Descrizione

SETTIMANA MONASTICA
– Il cammino spirituale. Nella Bibbia e nella tradizione monastica –

 

Presentazione

Quale dinamismo si attinge e si libera progressivamente nella forma monastica di vita? Come il cammino spirituale disegnato dalla Parola di Dio e dall’Eucarestia continua a essere istanza profetica e di discernimento per la vita monastica? Oggi siamo chiamati, anche dal percorso sinodale della Chiesa universale, a interrogarci rispetto alle dinamiche spurie in atto nelle nostre comunità: presenzialismo, auto rappresentazione, sopravvivenza, emancipazione indiscriminata, ricerca di consenso, estetismo. Le radici della antropologia biblica e della tradizione spirituale monastica rivisitate e provocate da una stagione critica, avara di frutti, ma (forse) ricca di spinte ad affondare le radici e a uscire – sotto il Soffio leggero dello Spirito – in regioni inesplorate. Umili terre battute da anonimi cercatori di Dio.

Contenuto

      LUCA FALLICA

1)   Il cammino esodico nelle tradizioni dell’AT (1a Parte)

2)   Il cammino esodico nelle tradizioni dell’AT (2a Parte)

3)   Pellegrino sui sentieri dello Spirito

4)   Lo Spirito Santo nel cammino di Gesù verso la Pasqua

5)   Camminare secondo lo Spirito nella prima comunità cristiana (Atti e lettere paoline)

6)   Essere nello Spirito e invocare insieme allo Spirito la venuta del regno nell’Apocalisse

       M. IGNAZIA ANGELINI

7)    Il cammino spirituale monastico

8)    Il cammino come relazione con l’altro

9)    Lectio divina

10)  Il cammino come dialettica del celebrare

11)  Verso l’unico modello: Cristo Gesù, mite e umile di cuore

12)  L’arte di togliersi: “voluit sed non valuit implere” (Dialoghi II, 33)

Torna in cima