Coscienza e intelligenza artificiale

Home|Registrazioni|2021|Coscienza e intelligenza artificiale

Coscienza e intelligenza artificiale

12.00 10.00

Edizioni digitali: sarà fornito un link per scaricare il file audio (.mp3)

COD: 0121 Categorie: , Tag:

Descrizione

Coscienza e intelligenza artificiale

Una sfida all’umano

La tecnologia dell’IA sta dando alla vita la coscienza di sé: 13,8 miliardi di anni dopo la sua nascita, il nostro universo si è svegliato ed è diventati consapevole di sé stesso attraverso l’uomo. Un miracolo inimmaginabile in cui “da un piccolo pianeta azzurro, minuscole parti coscienti del nostro universo hanno cominciato a rivolgere il loro sguardo nel cosmo per mezzo dei telescopi, scoprendo ripetutamente che tutto quello che pensavano esistesse è solo una piccola parte di qualcosa di più grande” (Max Tegmark). Dalla vita semplicemente biologica siamo passati ad una coscienza ad una vita culturale dominata dall’uomo e oggi si sta realizzando una ulteriore rivoluzione della “vita.3”, che sarebbe padrona del proprio destino e del tutto libera dai vincoli della sua evoluzione.

La ripercussione antropologica è suggestiva ed agghiacciante perché, mentre l’uomo tradizionale, cosciente della propria precarietà, invocava un Dio che ci venisse a salvare, l’uomo dell’IA si vede alla lunga strumento di una materia intelligente, che apprende diventando sempre migliore nell’implementare le computazioni desiderate.

La sfida dell’IA è tratta, non si può tornare indietro. Resta da chiedersi che ne sarà per la coscienza umana se sarà in grado di controllarne gli esiti, che potrebbero sfuggire di mano. Forse occorre, oltre ad una nuova responsabilità, anche un po’ di leggerezza, sapendo che se mai vi sarà una macchina robotica super intelligente dovrà condividere con gli uomini anche la coscienza fatta di sentimenti, come nel film “Short Circuit”, “Corto Circuito” del 1986. Numero 5 in seguito ad un fulmine acquista coscienza e inizia a provare emozioni tipicamente umane, come il risentimento, il senso di colpa, la crisi di coscienza, che lo portano a fuggire dalla Nova Robotics e a combattere la stupidità della guerra.

In ogni caso ha del miracoloso il fatto che l’uomo sia un’emergenza cosmica in cui l’universo prende coscienza di sé. Anche l’agnostico potrebbe apprezzare che l’intenzionalità umana è la coscienza del mondo e dovrebbe caricarci di responsabilità e di stupore.

 

Contenuto

1 Roberto TagliaferriPresentazione

2-3 Giorgio Bonaccorso – Coscienza e intelligenza artificiale

4-5 Massimo Moggi – Intelligenza artificiale e implicazioni etiche

6 Tavola rotonda con i relatori

Torna in cima